Art Culture Techonology on Ethics alla Design Week 2020


Culturally Reflective Technology. pare un’ovvietà che la tecnologia si rifletta nella cultura. Ma non è quello che accade. Stiamo vivendo una lunga, gloriosa stagione di tecnologie, i cui spiriti animali ci spingono ad agire con velocità e forza esponenziale, nell’abbraccio tra una tecnologia inevitabile e una insostenibile leggerezza della società.

Abbiamo però fatto spesso i conti con il nostro altrettanto inevitabile destino di demiurghi: non possiamo metterci sullo stesso piano delle nostre creazioni, non possiamo, inventando il fuoco, farci fuoco. Siamo destinati (pare) alla responsabilità, riflettere sulle conseguenze delle nostre scelte.

I Digital Guys sin dalla fondazione cercano, esponendosi in prima persona alle tecnologia, di tracciare ed esplorarne i confini con l’umano sentire, usando gli strumenti dell’arte e della cultura senza perdere di vista la concretezza: l’azione e l’etica sono gli strumenti coi quali agiscono.

Da questa idea di lavoro nasce l’esperienza di ACT onE Arte, Cultura, Tecnologa con Etica, “tre momenti della tecnocreatività raccontati dai Digital Guys dove arte, cultura e tecnologia si intrecciano e dialogano in tre casi studio” che presenteremo in occasione della Design Week che si terrà a Milano nel prossimo mese di Marzo.


ACT ONE: Art, Culture, Technology on Ethics

In occasione della Digital Week 2020
DVO Learning + Innovation Center , via Pietro Maroncelli 5 – Milano

12 Marzo 2020 ore 18,00


“le_parole_sono_importanti” – Danilo Premoli (web art / computing)

“Grace Experience” – Carlo Alfano (cinema / Intelligenza Artificiale)

“Corpi e Ultracorpi” – Fabrizio Bellavista & Stefano Lazzari (società / robotica).

“Explicit” – Laura Tettamanzi (arte / tecnologia)

Ci chiediamo:


“Una tecnologia responsabile deve portare un reale beneficio alla persona, alle persone. Non può e non deve essere fine a stessa o limitarsi al perseguimento di un mero profitto senza davvero migliorare la vita delle persone. Oggi assistiamo a una evoluzione della società orientata alla solitudine, in futuro ci aspettano città vuote fatte di macchine che spostano persone sole, occupate a vivere una realtà (anche troppo) virtuale. Dove sta il beneficio?”

Antonio Cirella – Digital Guys founder


Siamo alla spasmodica ricerca della Singolarità Tecnologica, stiamo per creare un nuovo mondo, e ci arriveremo sicuramente. Mi domando, cosa siamo disposti a perdere in questa sfida? Forse la risposta è in una frase di un bellissimo libro di fantascienza del 1961, Solaris di Stanislaw Lem, “Non abbiamo bisogno di altri mondi, abbiamo bisogno di specchi. Non sappiamo nulla di noi stessi…“

Carlo Alfano

“Donare senso ad un’organizzazione al di là della mission, portare valore e valori, incrociare gli emisferi cerebrali quando serve, essere programmatori di responsive company.
La tecnologia deve essere integrata nel pensiero strategico aziendale e non diventare essa stessa cultura dominante”.

Fabrizio Bellavista

Registrati per rimanere aggiornato. Ti garantiamo il posto!